sei-passi-nel-giallo/Gemelle

Note di regia

"Gemelle" vorrebbe essere un omaggio al genere italiano conosciuto come "Giallo".

La trama si presenta inizialmente come un mistery: la ricerca di una persona scomparsa.

Ben presto una serie di morti svelano che stiamo andando in un'altra direzione...

I personaggi non sono mai quel che a prima vista sembrerebbero, ognuno ha in qualche modo un lato grigio che poco a poco affiora. Anche il passato riemerge svelando significati diversi da quelli dati per assunti.

L'obbiettivo era di cercare di creare una percorso narrativo che nascondesse gli indizi senza omissioni, di modo che nel rivedere il film lo spettatore non ci accusasse di aver "barato".

Il finale resterà volutamente aperto a più interpretazioni.

Sebbene ambientato in primavera in una città del meridione, l'atmosfera visiva richiama evidentemente il "noir".

La macchina da presa utilizza un linguaggio stilisticamente apparentemente disomogeneo ma coerente col racconto scenico.

Vi sono diversi omaggi ai maestri del genere disseminati nel racconto visivo che appariranno più o meno evidenti agli appassionati.

Buona visione...

Roy Bava