il-peccato-e-la-vergogna/stagione-1

Sesta puntata

Mentre Giancarlo raggiunge gli Americani e Piera porta in salvo il resto dei Fontamara, Carmen, rinchiusa nei sotterranei della Gestapo, è tra le grinfie di Nito che abusa ripetutamente di lei.

Gli Alleati ormai sono alle porte ed i tedeschi, prima di ritirarsi, decidono di deportare in Germania tutti i prigionieri. Dilmo Duranti riesce ad inserire nelle liste anche il nome di Carmen. Nito, scoperta la cosa, uccide il suo mentore ma braccato dai partigiani che vogliono giustiziarlo, è costretto a fuggire verso le campagne. Valdi , durante al sua fuga, incontra il giovane Gesualdo Griffi che si sta recando ad Albera per lavorare presso l'Azienda Agricola Fioroni. Nito uccide il ragazzo assumendone l'identità.

Frattanto Carmen, in ospedale per rimettersi dalle violenze subite, scopre di aspettare un figlio da Nito mentre Giancarlo, affetto da tubercolosi, combatte tra la vita e la morte. La giovane allora fa un voto alla Madonna: se l'amato vivrà, lei terrà la creatura che porta in grembo.

Giancarlo, ristabilito, esce dal sanatorio ma la felicità di Carmen finisce quando viene a conoscenza del matrimonio di Giancarlo con Piera. Carmen, delusa, lo inganna, comunicandogli brutalmente che aspettano un altro bambino! La donna decide di dedicarsi totalmente al lavoro, riaprendo con Silvie il negozio di stoffe. Purtroppo l'Italia è ancora in guerra e gli affari non decollano. Inoltre Francesco, invaghitosi della procace vedova Ortensia Pizzo, accolta alla villa come governante, chiede alla moglie l'annullamento delle nozze e la vendita dell'attività. Carmen, però, costringe Ortensia a lasciare il Cavaliere, poi rimette in piedi il negozio, vedendo le sue stoffe ad un prestigioso sarto.

Intanto ad Albera, Valdi stringe un ambiguo rapporto con Anja, la figlia cieca del suo padrone, il commendator Fioroni, che si rinsalda quando Nito consegna alla polizia Brina, un fascista latitante. Valdi, intascata la cospicua taglia di 500 mila lire, si appresta a partire per Roma, dove pensa di ritrovare Carmen e fuggire con lei per il Sudamerica. Prima però è costretto ad uccidere Don Roberto, un prete fascista che l'ha riconosciuto.

Durante una notte di pioggia, Nito riesce a catturare Carmen ma sopraggiunge Giancarlo. I due uomini hanno uno scontro violento e Giancarlo perde conoscenza. Carmen, pur di salvarlo, confessa a Nito di aspettare un bambino da lui e, quando Valdi tenta di sparare al rivale, Carmen si frappone fra i due e viene colpita dal proiettile. Nito, sconvolto, scompare nella notte. Il giorno dopo, Giancarlo al capezzale di Carmen le confessa di amarla, di averla sempre amata. Mentre i due giovani si stringono in un abbraccio, un uomo, dalla sagoma inconfondibile, lascia ad un'infermiera un mazzo di fiori per Carmen: è Nito Valdi...

Pubblicità