il-conte-di-montecristo/stagione-1

Note di Regia

Sono estremamente contenta che Gerard Depardieu mi abbia permesso di girare questa storia, simbolo di un secolo che mi ha sempre appassionato e in cui lirismo e incessante inventiva sono uno stimolo per ogni regista.

Ho avuto la fortuna di poter rispondere "presente" quando Gerard Depardieu mi ha chiesto di accompagnarlo nell'avventura unica che voleva intraprendere, creare cioè per la televisione "Il Conte di Montecristo". Certo l'opera è conosciuta da tutti e il personaggio ha affascinato più di un regista e di un attore. Le avventure di Edmond Dantes nelle prime versioni tv si svolgevano in due parti, che corrispondevano alle due epoche della vita del marinaio prima prigioniero, poi evaso. Questa volta sono stati quattro i film da pilotare e portare a buon fine! [...]

Per ricostituire l'atmosfera di Marsiglia del XIX secolo abbiamo scelto l'isola di Malta e il Porto della Vittoriosa. I colori delle rocce, le colline che circondano la città, il Mediterraneo ricordano una città portuale come quelle raffigurate nei dipinti dell'epoca. [...]

Grazie all'adattamento di Didier Decoin abbiamo tradotto l’incredibile forza vitale, l'appetito feroce che muove Edmond Dantès dopo vent'anni di prigione. Eppure, deciso a vendicarsi di coloro che lo hanno condannato ingiustamente, il marinaio marsigliese prova dei rimorsi nel portare a termine il suo piano. Egli ha deciso di sostituirsi alla giustizia divina che, secondo lui, è troppo lenta. Ed è questo che lo rende profondamente umano e che Gerard Depardieu ha saputo rendere così bene. [...]

E' stato straordinario realizzare questi quattro episodi da 100 minuti in ottanta giorni con tanti attori, comparse, scenografie diverse, spostamenti; è stata una gioia costante. Il dinamismo di Gerard, attore di un'inventiva e di un carisma rari, ci ha stimolato tutti. Uno stato di grazia ha accompagnato questa produzione.


Josèe Dayan


Note di Produzione

E' la prima volta che Gerard Depardieu gira per la televisione ed eccolo qui, uscire da una prigione per far rientrare Edmond Dantes nella storia dell'audiovisivo. [...]

Il film tratto dal romanzo di Dumas è stato girato a Parigi e dintorni, a Marsiglia, a Malta e a Napoli. Le riprese, iniziate il l° luglio 1997 sono terminate l'11 ottobre a Napoli.  Tra le location: il castello de la Petite Malmaison, i castelli di Nandy, di Saussay e di Lesigny nella regione parigina, la Golden Bay, la Medina, il porto della Vittoriosa a Malta, il Palazzo Reale, Piazza Plebiscito, la Borsa e il teatro San Carlo a Napoli.

28.000 le ore complessive di lavoro, 80 le scenografie costruite e 3.500 le comparse utilizzate per una produzione eccezionale, girata in 35 mm per la televisione.

Marsiglia del XIX secolo, ricostruita nel porto della Vittoriosa a Malta, ha richiesto 5 settimane di lavoro e 19 camion di sabbia.

 

Pubblicità